Processi, Misurabilità, Integrazione, Cambiamento e Collaborazione. Sono queste le priorità attorno alle quali costruire un percorso di sostenibilità futura e rinnovata competitività nell’ambito di un mercato caratterizzato da una sempre più accelerata trasformazione digitale.

di Massimo Fucci

I decimali sono diventati il terreno di scontro del dibattito politico e condizionano il futuro del sistema europeo, il macro sistema economico mondiale e, ovviamente, i numeri dell’economia del nostro paese. Le decisioni, quali che siano, determineranno un susseguirsi di cause ed effetti che avranno un impatto significativo sull’andamento delle aziende, le quali poco o nulla possono fare per influire o modificare questi fenomeni, che passano letteralmente sopra le loro teste. Eppure, pur essendo frustrante, le aziende che intendono continuare a competere con successo, è bene che rivolgano i propri sforzi e gli investimenti verso i fondamentali.

In quest’ottica, il piano Industry 4.0 – di Calendiana memoria – ha avuto e continua a produrre i suoi effetti benefici. Essenzialmente per due motivi: da un lato ha avuto il coraggio di mettere in campo soldi veri; dall’altro ha suscitato l’interesse di chi doveva prendere le decisioni. Le persone operative illuminate avevano infatti già intuito e messo in opera percorsi che andavano verso la misurabilità e l’integrazione dei processi e delle attività di realizzazione dei prodotti, affrontando peraltro contesti spesso non favorevoli senza nemmeno poter godere dell’appoggio palese delle figure apicali.

Ecco, quindi, i fondamentali su cui puntare: Processi, Misurabilità, Integrazione. Un trittico d’oro, paragonabile ad illustri pale d’altare del 1400 di toscana memoria.  Vanno quindi evitati atteggiamenti che portano ad affermazioni: “noi abbiamo già tutto, siamo a posto, siamo i migliori a correre in formula uno… “poiché significa non rendersi conto che, per affrontare il viaggio della trasformazione digitale, serve avere con sé un bagaglio a mano contenente tutto quanto possa  aiutare a VIVERE DEL CAMBIAMENTO. Quest’ultimo rappresenta, per l’appunto, il quarto fondamentale. Infine, last but non least, il quinto fondamentale, ovvero la collaborazione orizzontale e verticale all’interno delle aziende, che implica metodo e considerazione/valorizzazione giusta delle persone. Pokerissimo! 

Questa è la sfida. Non trattasi di sola tecnologia, ma cultura etc etc.. Ma questo, per chi mi segue da anni è un concetto chiaro. Per i vecchi e i nuovi lettori sono a disposizione per approfondimenti, considerazioni, commenti.


IBE 2018, un’opportunità unica per  confrontarsi sulle questioni più attuali e urgenti che caratterizzano lo scenario competitivo industriale. Dati, informazioni, conoscenza e nuovi modelli di business a supporto della nuova dimensione digitale.